Escursione in giornata
Classificazione CAI : EE
Dislivello 1000m circa s.l.m.
Punto di partenza: Valmadrera – Frazione Belvedere
Durata salita: 2 H circa

Il Monte Moregallo si trova a soli 50 minuti circa da Milano ed è un’ottima palestra se cercate qualcosa per allenarvi.
Si parte dalle strade carraie e imboccando il sentiero 6-7, ben lastricato e immerso nel bosco, che risale i bei pendii della val Sambrosera, tra lo sperone del Corno Rat e la cresta irta di pinnacoli del Moregallo. In circa 45′ si perviene alla fonte di Sambrosera (716 m) con altare votivo alla Madonna, da cui si diramano i percorsi per la vetta.

Svoltando a destra, seguendo il sentiero 6, si aggirano gli imponenti speroni della Torre Marina, complesso di guglie dove sono tracciate diverse vie di arrampicata sportiva di alta difficoltà, e lasciando sulla sinistra le indicazioni per la cresta OSA, via classica di alpinismo per la vetta (III-IV), si perviene ad una sella (900 m, 15′) dove si apre il panorama verso Lecco. E’ ora evidente il ripido canalone che risale fino alla Bocchetta di Sambrosera (1132 m), che si raggiunge in circa 25′ per ripido sentiero. Suggestiva la risalita del canale per la presenza di una selva di pinnacoli di calcare e per la verticalità con la quale l’occhio raggiunge la città di Lecco. Alla Bocchetta le Grigne inaugurano il paesaggio, che risalendo senza difficoltà lungo la ampia cresta sommatale fino alla croce di vetta (1276 m, 15′), si arricchisce di fascino abbracciando dalle montagne del lecchese alle vette del Vallese e del Monte Rosa.

Per la discesa ho effettuato lo stesso percorso della salita.

Una mattinata stupenda mi ha accompagnato per tutta la salita e la discesa. Freddo con vento molto forte. In vetta le raffiche riuscivano a spostarmi. Ottimo allenamento e davvero una bella camminata!