62esima Coppa intereuropa 2015 Monza

All’autodromo nazionale di Monza, tempo della velocità, in questa 62esima edizione della coppa intereuropa, hanno sfilato ben oltre 200 storiche auto da corsa sfidandosi all’ultimo secondo. Ben 200 auto suddivise in 7 categorie, 35 auto per il Masters FIA Historic Formula One Championship e 34 auto per il Fia Historic Masters Championship Sports Car sono la dimostrazione dell’amore per questo sport.

Il programma della domenica ha visto subito protagoniste le formula 1 storiche in gara 1. Gara 2 è stata disputata alle 16.45.
Subito dopo le formula 1 hanno corso in gara 1 le fantastiche auto da endurance del gruppo C, che nel pomeriggio hanno affrontato gara 2 con notevoli perdite causa rotture o guasti.
Le formula 2 invece reduci da gara 1 di sabato si sono esibite per l’ultima volta durante il pomeriggio. A parte qualche piccolo contatto avvenuto in seconda variante tutti hanno portato a termine la gara.
La domenica ha visto protagonisti anche il club vespa Milano che durante la pausa ha eseguito diversi giri di pista mantenendo alto l’umore degli spettatori!

La formula 1 si è conclusa con un doppio primo posto il belga Loic Deman con la Tyrrel 010 del 1980.
Doppio podio per Stefano Di Fulvio con la Tyrrel 012 del 1983 (terzo in Gara 1 e secondo in Gara 2), mentre il britannico Andy Wolfe con la Tyrrel 011 del 1983 si posiziona terzo in Gara 2.

In Formula junior, Trofeo Lurani, vince Westie Mitchell. Sul podio britannico salgono anche Andrew Hibberd su Lotus 22 e James Claridge su Lola Kk5A.
In Formula 2 vince Matthew Watts con la sua 772 del 1977 e i connazionali Philip Hall su March 752 e Mark Dwyer su March 742.
In categoria Gruppo C vince Richard Eyre in Gara 1 su Jaguar XJR16 e Dreelan in Gara 2 su Porsche 962.

La lunghissima 90 minuti della Gentlemen Drivers & Masters Pre-66 Touring Cars, vede primo e secondo posto Rob Hall ed Andy Willis con le AC Cobra del 1963, davanti al team composto da Michael Gans e dal britannico Andy Wolfe. Terzo posto meritato per Jamie Boot su TVR Griffith del 1965.

E’ severamente vietato copiare o riprodurre le foto pubblicate. Per maggiori informazioni controllare le note legali a questo link.